Cerca

Guadagnare con il BAMBU' e la STEVIA

consulenza agronomica e commerciale

Mese

agosto 2016

Ma il bamboo non arriva da troppo lontano?

Il bamboo è oramai entrato nelle nostre vite (vedi soffitto aeroporto Madrid in laminato di bambù), è sostenibile e potrebbe essere una risorsa economica per i paese più poveri dove è presente in maniera naturale. Usarlo in maniera corretta è possibi…

Sorgente: Ma il bamboo non arriva da troppo lontano?

COP21 Parigi: bambù eco sostenibile

Penso che gli agricoltori dovranno fare la loro parte , impegnandosi a  produrre cibo sano e nutriente, ma diversificando le colture e  puntando alla sostenibilità.

Una carta vincente può essere il BAMBU’ GIGANTE che cattura enormi quantità di CO2 e genera fino al 35% più ossigeno rispetto ad altre specie arboree, producendo al contempo notevoli margini di guadagno.

Un ettaro di bambù gigante trasforma in ossigeno fino a 62 tonnellate di CO2 / anno, mentre 1 ettaro di bosco giovane sottrae all’ atmosfera solo 15 tonnellate di CO2 / anno. (Fonte: J. Janssen, Università Tecnica di Eindhoven, 2000).

Per gli impazienti: Tropical il bambù gigante precoce

Come già descritto nella home page, il bambù gigante specie Phyllostachys edulis entra in produzione fra il 4° ed il 5° anno in funzione delle caratteristiche del terreno, condizioni climatiche e pratiche agronomiche più o meno intensive.

La specie Tropical adatta a coltivazioni sotto serra, avendo una resistenza al freddo fino a + 4C° anticipa la produzione di germogli fra il 2° ed il 3° anno.

Il termine “precoce” deve intendersi in riferimento all’ anticipo dell’entrata in produzione di germogli commerciali dal momento dell’impianto del bambuseto.

Per quanto attiene al periodo dell’ anno in cui spuntano da terra i nuovi germogli , il Phyllostachys edulis si raccoglie fra marzo e giugno mentre quelli del Tropical ad inizio estate.

Le piante nelle foto sono state messe a dimora nell’ autunno del 2014 e nell’ ultima settimana di luglio di quest’anno, abbiamo raccolto e mangiato, con gusto, i primi germogli.

La produzione al 3° anno è tra i 3 e  7,5 tons all’ ettaro ad un prezzo di mercato attualmente fra i 10 € / 12 € al kilo ( fonte Mercato Ortofrutta Milano) con una redditività di 30.000 € a salire.

germogli e chefTROPICAL  02

I germogli di bambù sono tossici ?

Da studi recenti ( Stephane Schroder, dicembre 2012 ) sono circa 110 le specie di bambù i cui germogli sono commestibili . Troviamo fra questi il Phyllostachys edulis dal sapore dolce al bitter della Fargesia.

Fra le altre specie elencate da Schroder, alcune contengono piccole quantità di glicosidi cianogenici , sostanze nocive presenti in molti vegetali , come nei noccioli delle albicocche.

Qualora non si sia certi della specie a cui appartengono i germogli, è buona norma cuocerli per alcuni minuti in acqua bollente: il calore anche per breve durata, è sufficiente a distruggere queste sostanze termolabili.

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: